Pavimenti sopraelevati

Pavimenti sopraelevati – Carrara Mario & Figli

Il pavimento sopraelevato è un sistema di pannelli modulari che poggiano su una struttura portante regolabile in altezza. Questo sistema permette di creare sotto la pavimentazione un vano tecnico utile per il passaggio degli impianti.

I pavimenti sopraelevati consistono in una serie di elementi modulari, appoggiati su una struttura portante sottostante la cui altezza può essere regolata: in tal modo, sotto al pavimento si crea lo spazio per alloggiare sotto la superficie calpestabile tutta l’impiantistica elettrica, idraulica, telefonica e di trasmissione dei dati, compresi gli impianti di climatizzazione e di sicurezza. Grazie alla pluriennale esperienza nel settore, Carrara Mario & Figli propone soluzioni di pavimenti sopraelevati a Bergamo e Milano ad elevate prestazioni per durata e resistenza, senza tralasciare la componente estetica.
I pavimenti sopraelevati trovano applicazione sempre più ampia, anche grazie alla diffusione della domotica e dei cosiddetti “edifici intelligenti” che richiedono una grande quantità di cablaggi e impianti. Grazie alla facilità di installazione e all’ampia varietà di rivestimenti, i pavimenti sopraelevati si possono utilizzare quasi ovunque, compreso l’ambiente esterno. I vantaggi dei pavimenti sopraelevati sono numerosi: sono installabili rapidamente in edifici nuovi o recuperati; gli impianti sottostanti sono accessibili semplicemente sollevando il singolo modulo con una ventosa; il costo è molto contenuto; sono integrabili con altre finiture come arredo e contro-soffitti; il livello di personalizzazione è pressoché infinito, così come la gamma di accessori; inoltre, in caso di modifiche del progetto iniziale, questa tipologia di pavimento permette un’ampia flessibilità.
I pavimenti sopraelevati sono composti da 5 elementi principali: la struttura portante, il supporto dei moduli, il rivestimento superiore, il bordo e il rivestimento inferiore. Tutto ciò che si vede camminandoci sopra, è il rivestimento superiore: la restante parte delle componenti resta sotto al pavimento. Ogni componente, naturalmente, si interfaccia e combina perfettamente con gli altri elementi del sistema. La struttura portante può essere di diverso tipo a seconda del carico da sostenere e del tipo di impianto. Ogni modulo è composto da un’anima, solitamente in conglomerato di legno oppure materiali inerti rinforzati, e dal rivestimento superiore che definisce l’estetica della pavimentazione (ceramica, gres porcellanato, materiali resilienti quali PVC, linoleum e gomma, laminati plastici, materiali lapidei e persino legno naturale a parquet).
Anche ai pavimenti sopraelevati possono essere applicate le moderne conoscenze tecnologiche: il progetto quindi può essere completamente personalizzato fino al punto di incidere nei moduli il marchio del cliente, o introdurre inserti e finiture fuori catalogo. Tuttavia, il rivestimento superiore della pavimentazione deve sottostare a specifici requisiti, che sono resistenza all’abrasione, alla luce e ai prodotti chimici, resistenza all’impronta, stabilità dimensionale, reazione al fuoco, proprietà dielettriche, acustiche e antiscivolo.
Il montaggio dei pavimenti sopraelevati generalmente è piuttosto veloce: si effettua a secco in tempi ridotti, a patto che durante la progettazione si sia proceduto ad un sopralluogo per definire le caratteristiche dell’ambiente e degli eventuali impianti già presenti. La presenza di accessori e servizi nell’area infatti condiziona l’altezza cui collocare il pavimento e la posizione dei sostegni sottostanti. A tutte queste incombenze può provvedere il personale dell’azienda Carrara Mario & Figli che, in accordo e in collaborazione con la clientela, si occupa della stesura del progetto, della scelta dei materiali e delle finiture e della messa in posa dei pavimenti sopraelevati a Bergamo e Milano.